Costa Rica

 

Prodotti

Tour di gruppo, Fly and Drive, Crociere e altre proposte di viaggio

Alberghi

Gli alberghi per tutte le esigenzee

Località

I posti più belli da visitare

Presentazione


Presentazione

La Repubblica di Costa Rica è uno stato (51.100 km², 3.835.000 abitanti, capitale San José) dell'America centrale.
La Costa Rica è situata fra gli 8° 03' e gli 11 ° 13' di latitudine nord e gli 82° 32' e gli 85° 57', di longitudine ovest. Includendo l'area insulare (Isola del Coco) si estende su una superficie di 51.100 chilometri quadrati. È uno degli stati più piccoli del Centro America Insieme al Belize e a El Salvador.
Confina a nord con il Nicaragua, a est con il mar dei Caraibi e Panamá, a sud e a ovest con l'oceano Pacifico.
Le coste si estendono per 1.228 km, dei quali 1.016 si affacciano sul versante del Pacifico e 212 km sul Mare dei Caraibi. La costa pacifica è caratterizzata da numerosi promontori e penisole che danno luogo a golfi e baie, spiagge di sabbia bianca che hanno favorito l'installazione, seppure in maniera non aggressiva per l'ambiente, di infrastrutture turistiche. La costa atlantica, al contrario, sebbene sia più regolare, è meno adatta allo sviluppo del turismo balneare.

Superficie: 51.113 Km²
Abitanti: 4.110.000
Densità: 71 ab/Km²
Forma di governo: Repubblica presidenziale
Capitale: San José (922.000 abitanti)
Città principali: Puntarenas 50.000 ab., Limón 45.000 ab.
Gruppi Etnici: Creoli 87%, Meticci 7%, Cinesi 2%, Amerindi 0.5%, Altri 3.5%
Paesi confinanti: Nicaragua a NORD, Panama ad EST
Monti principali: Cerro Chirripó (3820 m)
Fiumi principali: Rio Reventazon (152 Km)
Isole principali: Isla del Coco
Clima: Tropicale
Lingua: Spagnolo
Religioni: Cattolica 88% - Protestanti 15% - Altri e atei 5%
Moneta: Colon costaricense
Prefisso telefonico: 00506
Fuso orario: GMT -6.00 Sette ore in meno rispetto all'Italia 

 

 

Da vedere


Da vedere

San Josè la cosmopolita capitale è il centro nevralgico dei trasporti della Costa Rica, quindi chiunque visiti il paese vi trascorre almeno qualche giorno. Rispetto a molte capitali dell'America Latina ha un'atmosfera più da città nordamericana, con grandi magazzini, gallerie con negozi e catene di fast food, tuttavia possiede anche diversi bei musei, alcuni ottimi ristoranti, mercati pittoreschi e un bel clima.
I musei migliori sono il Museo Nacional, dove sono esposti reperti archeologici, mobili coloniali e oggetti d'arte sacra; il Museo del Oro Precolombino, che ospita una splendida collezione di oggetti precolombiani in oro; e il Museo de Jade, che possiede la più grande collezione mondiale di sculture precolombiane in giada. L'edificio più imponente della città è il Teatro Nacional, costruito nell'ultimo decennio del XIX secolo per spettacoli teatrali, balletti e concerti dell'orchestra sinfonica nazionale. Il mercato più bello è il Mercado Central, che è molto animato e ha merci di ogni tipo, dai tacchini vivi agli articoli in cuoio; è inoltre uno dei posti migliori della città per mangiare spendendo poco.
La maggior parte degli alberghi e dei locali più economici si trova a ovest di Calle Central tra le Avenida 1 e 2. 

Parque Nacional Volcán Arenal

Al centro di un parco nazionale situato nel nord-ovest del paese si erge il Volcán Arenal, che con il suo cono perfetto alto 1633 m corrisponde perfettamente all'archetipo del vulcano. L'Arenal è attivo dal 1968, quando enormi esplosioni furono seguite da colate di lava che uccisero diverse decine di persone. Il livello di attività varia da una settimana all'altra: talvolta si può assistere a magnifici spettacoli di fiumi di lava rossa che colano lungo i fianchi e di rocce incandescenti scagliate in aria, mentre in altri periodi il vulcano è più tranquillo e si limita a lanciare bagliori nel buio. Non pensate neanche lontanamente di poterlo scalare. Le vedute migliori si ammirano di notte dal lato occidentale o settentrionale. Il parco è stato istituito solo nel 1995 ed è poco attrezzato (c'è solo un lodge e non è consentito campeggiare), quindi la base migliore da cui esplorare la zona è la cittadina di La Fortuna de San Carlos. 

Parque Nacional Santa Rosa

Il Parque Nacional Santa Rosa, uno dei parchi più vecchi e meglio attrezzati della Costa Rica, occupa gran parte della Peninsula Santa Elena, che si protende nel Pacifico nell'estremo angolo nord-occidentale del paese, e protegge l'ultima distesa di foresta tropicale secca dell'America centrale nonché i luoghi di nidificazione di alcune specie di tartarughe marine in pericolo di estinzione. Il parco deve il suo nome all'Hacienda Santa Rosa dove nel 1856 un raffazzonato esercito costaricano sconfisse William Walker. 

Monteverde

Questa piccola località della Costa Rica nord-occidentale fu fondata da alcuni quaccheri americani nel 1951 e ora è un'interessante meta turistica frequentata tanto dai costaricani quanto dai visitatori stranieri. Gli spunti d'interesse offerti sono un tratto di foresta nebbiosa, itinerari da percorrere a piedi, l'avvistamento dei quetzal, un caseificio, un allevamento di farfalle e alcune gallerie d'arte. 

Spiagge del Pacifico

Se avete ormai visto anche troppi esemplari di ara macao (il particolarissimo pappagallo della Costa Rica), potete nuotare o rilassarvi su una delle spiagge costaricane. Il litorale del Pacifico offre una piacevole mescolanza di centri turistici di lusso e spiagge deserte. Golfito, nascosto in una piccola baia vicino al Golfo Dulce sulla costa meridionale, è un porto importante nonché un buon posto da cui visitare le fantastiche spiagge della regione. Procedendo da Golfito verso nord-est, si incontrano numerose calette isolate con rustiche possibilità d'alloggio e uno sfondo di foresta tropicale vergine. Il Parque Nacional Corcovado, sulla Península de Osa, ospita un'enorme colonia di are macao. Tra le spiagge in cui vale la pena di fare una sosta citiamo Playa Cativo, Playa Zancudo (che secondo gli abitanti locali è la migliore per fare il bagno nell'oceano) e Pavones (ottima per il surf).
Il tratto centrale della costa del Pacifico inizia a Uvita e prosegue verso nord fino al Golfo de Nicoya e alla città di Puntarenas. La località balneare di Jacó è frequentata dai turisti dei viaggi organizzati e dagli amanti della vita notturna. Il mare di Puntarenas è troppo inquinato per fare il bagno; i bagnanti più esigenti possono dirigersi su una delle numerose isole situate di fronte alla costa, come l'Isla Tortuga. Per fare il surf invece si può andare a Boca Barranca e a Doña Ana.

 

Profilo economico - Lingua - Valuta


Economia


Lingua

Spagnolo


Valuta

Colon costaricense

 

Geografia - Distanze - Clima - Fuso orario


Geografia

La Costa Rica confina a nord con il Nicaragua e a sud-est con il Panamá. Ha un litorale caraibico e un tratto di costa affacciato sul Pacifico. Una serie di catene montuose di origine vulcanica si estende dal confine nicaraguense a nord-ovest fino a quello panamense a sud-est, dividendo il paese in due parti. Al centro della zona montuosa sorge la meseta central, una pianura caratterizzata da fertili terreni vulcanici, dove vive oltre metà della popolazione. Il litorale caraibico è lungo 212 km e presenta mangrovie, paludi e spiagge di sabbia; la costa del Pacifico è molto più rocciosa e frastagliata e per il gran numero di insenature e penisole si snoda per 1016 tortuosi chilometri. La biodiversità del paese attira amanti della natura da tutto il mondo. Molti visitatori vengono in Costa Rica per vedere le sue 850 specie registrate di uccelli, tra cui figurano il quetzal splendente, vari tipi di colibrì, are macao e tucani. Le foreste tropicali della Costa Rica presentano più di 1400 specie di alberi e offrono diversi tipi di habitat a vari animali tra cui quattro tipi di scimmie, bradipi, armadilli, giaguari e tapiri. Ci sono anche molte splendide farfalle. I parchi nazionali occupano quasi il 12% del paese; le riserve forestali e le riserve indie fanno salire la porzione di aree protette al 27%. La Costa Rica è un paese tropicale e ha solo due stagioni: quella secca e quella delle piogge. La stagione secca in genere dura dalla fine di dicembre ad aprile e quella delle piogge occupa i restanti mesi dell'anno. La costa caraibica è piovosa per tutto l'anno. Le temperature non presentano grandi variazioni da una stagione all'altra e l'elemento che le influenza maggiormente è l'altitudine. San José sorge a 1150 m di quota e ha un clima che gli abitanti definiscono 'eterna primavera': le minime si aggirano in media sui 15°C e le massime sui 26°C. I litorali invece hanno un clima molto più caldo: la costa caraibica registra in media 21°C durante la notte e più di 30°C di giorno e sul litorale del Pacifico la temperatura è più alta di qualche grado. Nelle zone pianeggianti l'umidità può raggiungere livelli opprimenti.


Distanze


Clima

Per quanto riguarda il clima, la stagione più piacevole è quella compresa tra la fine di dicembre e la metà di aprile, ma naturalmente questo è il periodo scelto da tutti coloro che vogliono visitare la Costa Rica, quindi i prezzi sono alti e gli alberghi registrano il tutto esaurito. Durante la stagione delle piogge alcune strade sono impraticabili, ma questo periodo può essere gradevole perché ci sono pochi turisti. Aprile, maggio e l'epoca compresa tra metà ottobre e metà dicembre dovrebbero presentare gli aspetti migliori di entrambe le stagioni.


Fuso orario

GMT -6.00 Sette ore in meno rispetto all'Italia

 

Formalità - Servizi turistici - Salute


Formalità

I cittadini italiani possono entrare in Costa Rica senza visto e trattenersi nel paese per 90 giorni. Sarà sufficiente essere in possesso del passaporto con una validità minima di sei mesi e di un biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio.


Servizi Turistici

I parchi nazionali della Costa Rica offrono una vasta scelta per le camminate; le zone descritte nelle righe seguenti sono solo due delle più belle in cui praticare questa attività. Il Parque Nacional Rincon de la Vieja, a nord-est di Liberia nella Costa Rica nord-occidentale, occupa un magnifico territorio vulcanico caratterizzato dalla presenza di coni, crateri, lagune, pozze di fango bollente e sorgenti di acqua solforosa. Si può visitare a piedi o a cavallo e si può fare il bagno nelle acque sorgive. Nel Parque Nacional Corcovado, nell'angolo sud-occidentale della Peninsula de Osa, ci sono alcuni lunghi itinerari che offrono l'occasione di trascorrere alcuni giorni a camminare tra le foreste tropicali delle pianure. Visitatelo durante la stagione secca e tenete gli occhi bene aperti per avvistare gli animali. Vi sono anche itinerari più brevi nei dintorni di Monteverde e nel Parque Nacional Manuel Antonio, sulla costa a sud di Quepos. Gli appassionati di birdwatching possono andare nelle foreste pluviali di La Selva (nella parte settentrionale), al Parque Nacional Tapanti (a sud-est di Cartago), al Parque Nacional Palo Verde (al fondo del golfo di Nicoya), al Refugio Nacional de Vida Silvestre Cano Negro (a est di Upala) e nella zona di Tortuguero. Per osservare le tartarughe visitate il Parque Nacional Tortuguero, dove si possono vedere i luoghi di nidificazione e osservare le testuggini mentre depongono le uova. È possibile vedere le tartarughe anche al Parque Nacional Santa Rosa. Le varie specie depongono le uova in periodi diversi dell'anno; per avere informazioni più dettagliate consultate il vostro libro di biologia. Pavones, sulla costa del Pacifico, pare sia il luogo migliore dell'America centrale per il surf, che si può praticare anche a Playa Naranjo nella zona nord-occidentale del paese e a Puerto Viejo sulla costa caraibica. Gli appassionati di windsurf possono andare alla Laguna de Arenal, un lago artificiale situato vicino allo spettacolare vulcano omonimo. È possibile praticare lo snorkelling e fare immersioni subacquee alla Reserva Biologica Isla del Cano, 20 km a ovest di Bahia Drake vicino alla parte settentrionale della Península de Nicoya, e nel Parque Nacional Isla del Coco, una remota isola situata 500 km a sud-ovest della Costa Rica nel Pacifico orientale. A Golfito, centro della pesca d'altura, è possibile noleggiare imbarcazioni per alcuni giorni o anche di più. A Parismina, un piccolo villaggio presso la foce del Rio Parismina 50 km a nord-ovest di Limon, ci sono alcuni bei lodge pensati appositamente per i pescatori e si può pescare al largo, oltre la barriera corallina. Il Río Reventazon, nella zona centrale del paese, è uno dei fiumi più belli e più emozionanti della Costa Rica per gli appassionati di rafting e kayak. È navigabile tutto l'anno, ma i mesi migliori sono giugno e luglio. Il Río Pacure, che percorre la vallata successiva a est, è forse ancora più panoramico e offre l'occasione di fare rafting attraversando canyon spettacolari ricoperti da foreste pluviali vergini; è il fiume migliore del paese per questo sport. La base ideale per queste escursioni è Turrialba.


Salute

Generalmente buona, sia come prestazioni mediche e ospedaliere, sia come disponibilità di medicinali, benché costosi. Alcuni casi di febbre "Dengue" sono stati registrati lo scorso anno nelle zone di Puntarenas, Guanacaste e Limon. Si consiglia l'uso di prodotti repellenti contro le zanzare. Non esistono particolari difficoltà per i rimpatri di emergenza. E' tuttavia consigliabile, dati gli elevati costi dei ricoveri ospedalieri e dei rimpatri con aereo ambulanze stipulare apposita assicurazione al momento dell'acquisto del biglietto aereo.

 

Abbigliamento - Cucina - Shopping - Elettricità - Telefonia - Foto e video


Abbigliamento

Come in altri paesi del Centro America, dipende sempre in che parte del paese si intende viaggiare: abbigliamento leggero ed estivo è essenziale sulla costa, comodo e pratico per escursioni e tours. Sempre un cappellino per proteggersi dai forti raggi solari, occhiali da sole, e un indumwnto per ripararsi dalla pioggia durante la stagione unmida oltre ad una felpa o un maglioncino per proteggersi dall'aria condizionata


Cucina

La cucina costaricana è più gustosa che piccante; gli ingredienti principali sono carne di manzo, pollo e pesce, accompagnati da riso, mais o fagioli. Si mangia anche molta frutta fresca. Ecco alcune specialità costaricane. Il gallo pinto è un misto di riso e fagioli neri servito tradizionalmente a colazione, talvolta con natilla (simile alla panna acida) o huevos fritos/revueltos (uova fritte/strapazzate); il casado contiene riso, frijoles (fagioli neri), platano (banana da legume fritta), manzo, cavolo tritato e a volte un uovo o un avocado; le patacones sono una specialità della costa che si trova soprattutto sul versante caraibico: si tratta di fette di banana da legume fritte come se fossero patatine; i tamales sono pasticci di farina di granoturco bolliti, solitamente avvolti in una foglia di banano. Nel periodo natalizio è tradizione farcirli con pollo o maiale, mentre nel resto dell'anno possono essere ripieni di mais e avvolti in una foglia di granoturco. Tra le bevande tipiche, l'agua dulce è semplicemente acqua bollita con zucchero scuro e l'horchata è una bevanda di farina di granoturco aromatizzata con cannella.


Shopping


Elettricità

110V, 60Hz


Telefonia

Prefisso telefonico: 00506


Foto e Video

Si consiglia di portare materiale foografico dall'Italia come bagaglio a mano e non in valigia, poichè i controlli a raggi x in aeroporto potrebbero danneggiarlo.