Saint Maarten

 

Prodotti

Tour di gruppo, Fly and Drive, Crociere e altre proposte di viaggio

Alberghi

Gli alberghi per tutte le esigenzee

Località

I posti più belli da visitare

Presentazione


Presentazione

Sint Maarten è una delle isole più turistiche di tutti i Caraibi, ma nonostante i numerosi luoghi di villeggiatura, i casinò e le catene di fast-food, si possono ancora trovare tranquilli posticini da esplorare. Ci sono spiagge di finissima sabbia bianca, piccole baie isolate e posti adatti per fare immersioni. Non si può dire però che lo sviluppo non abbia portato i suoi benefici: Philipsburg ha moltissimi negozi alla moda, duty-free e ottimi ristoranti.
L'isola è il principale punto di partenza per le escursioni alle isole vicine: da qui è facile ed economico raggiungere Anguilla, Saba e Sint Eustatius, alcune delle mete più rurali e meno sviluppate della regione. La parte francese dell'isola, più tranquilla, è facilmente raggiungibile da qualunque località di Sint Maarten. 

Paese: Regno dei Paesi Bassi
Superficie: 34 kmq
Popolazione: 32.000 abitanti
Capitale: Philipsburg (6.600 abitanti)
Popoli: creoli di discendenza africana ed europea
Lingua: inglese, olandese (lingua ufficiale)
Religione: cattolica, protestante, ebraica, avventista del settimo giorno
Ordinamento dello stato: territorio d'oltremare dei Paesi Bassi, parte delle Antille Olandesi
Prefisso telefonico: 599-5 
 

 

Da vedere


Da vedere

Philipsburg
Philipsburg, la capitale di Sint Maarten, si trova al centro di una lunga e stretta lingua di terra che separa Great Salt Pond da Great Bay. Vi si trovano edifici più antichi mescolati con altri di più recente costruzione, ma nell'insieme, la città è di gran lunga più commerciale che non pittoresca. La maggior parte dell'attività si svolge lungo Frontstreet, la strada antistante la baia, che è costellata di boutique, gioiellerie, ristoranti, casinò e duty-free dove si vende di tutto, dalla porcellana danese alle macchine fotografiche e agli apparecchi elettronici giapponesi. Gli appassionati di storia possono visitare il Sint Maarten Museum, che presenta delle esposizioni sulla storia dell'isola con frammenti di vasi Arawak, manufatti risalenti all'epoca della colonizzazione, fotografie d'epoca e alcuni oggetti provenienti dalla HMS Proselyte, la fregata che affondò al largo di Fort Amsterdam nel 1801. Si può ammirare anche un'interessante mostra sui danni causati nel 1995 dall'uragano Luis.
Wathey Square, che domina la parte meridionale della Great Bay, è, per così dire, il centro della città. Vi sono un botteghino per le informazioni turistiche, una banchina dove attraccano le imbarcazioni ausiliarie delle navi da crociera e un vecchio palazzo di giustizia che risale al 1793. Nei giorni di arrivo delle navi da crociera, si possono trovare nella piazza ambulanti che vendono bevande a base di cocco e souvenir; mentre sul lato nord del palazzo di giustizia altri venditori propongono T-shirt e manufatti di legno intagliato.
Nel 1631 gli olandesi costruirono il loro primo forte caraibico, Fort Amsterdam, sulla penisola che separa Great Bay da Little Bay. Gli invasori spagnoli lo ampliarono e vi aggiunsero una piccola chiesa. Nonostante la sua importanza storica, del forte rimangono solo muri cadenti e alcuni cannoni arrugginiti. Esso tuttavia offre una bella vista della baia fino a Philipsburg.
Il minuscolo Sint Maarten Zoo & Botanical Garden possiede circa 35 esemplari fra rettili, uccelli e mammiferi. Si trova sul lato settentrionale della Great Salt Pond.

Maho Bay
Maho Bay, sulla sponda sud-occidentale, è la principale zona di villeggiatura di tutta Sint Maarten. Assomiglia un po' a Las Vegas: pur essendo poco più estesa di un isolato, è piena di edifici a più piani che ospitano gioiellerie esclusive, boutique, gallerie d'arte, ristoranti e un enorme complesso turistico con casinò. Maho Bay offre anche una spiaggia abbastanza carina ma con un unico neo: si trova alla fine della pista di decollo dell'aeroporto. La zona è infatti contrassegnata con dei cartelli che avvertono i bagnanti che 'lo spostamento d'aria causato da voli a bassa quota o dai decolli degli aerei potrebbe comportare dei danni fisici'!

Cupecoy Bay
Se siete alla ricerca di una spiaggia tranquilla ma non completamente isolata, Cupecoy fa al caso vostro. Alle spalle del suo litorale di sabbia bianca ci sono basse scogliere di pietra arenaria erose in modo tale da costituire una serie di piccole calette naturali semi-isolate.

 

Profilo economico - Lingua - Valuta


Economia

PIL: 2,4 miliardi di dollari per le Antille Olandesi nel loro complesso
PIL pro capite: 11.400 dollari per le Antille Olandesi nel loro complesso
Tasso annuale di crescita: 0,5% per le Antille Olandesi nel loro complesso
Inflazione: 2,1% per le Antille Olandesi nel loro complesso
Settori/prodotti principali: turismo, sale
Partner economici: USA, Guatemala, Venezuela, Singapore, Messico, Paesi Bassi 

 


Lingua

inglese, olandese (lingua ufficiale)


Valuta

fiorino delle Antille Olandesi(Naf)

 

Geografia - Distanze - Clima - Fuso orario


Geografia

Sint Maarten è situata vicino all'estremità settentrionale delle Piccole Antille, 325 km a est di San Juan, Puerto Rico. Le isole più vicine sono Anguilla, 22 km a nord, e St Barthélemy (St Barts), 25 km a sud-est. Sint Maarten, che occupa la parte più bassa di un'isola dalla forma triangolare che condivide con la francese Saint-Martin (una sotto-prefettura della Guadalupa), misura meno di 15 km nella sua parte più larga e circa 5 km da nord a sud. La costa è frastagliata ed è caratterizzata dalla presenza di baie e insenature e i terreni presso la costa sono costellati di stagni salmastri. L'entroterra è collinoso. La parte occidentale della regione è costituita più da acqua che da terra, dominata com'è dall'estesa Simpson Bay Lagoon, uno dei più ampi specchi d'acqua circondati da terre emerse di tutti i Caraibi. Il terreno è per la maggior parte coperto di vegetazione, ma arido, con una maggiore presenza di alberi di palme, ibisco e cactus che non di felci o foreste, sebbene ci siano, verso l'interno, alcune aree a maggiore densità di vegetazione. Aironi, garzette, imantopi, pellicani, gabbiani e altri uccelli marini popolano le pozze salmastre dell'isola. Si possono avvistare anche delle fregate lungo la costa, mentre i colibrì e i vivaci bananaquits dal petto giallo popolano i giardini, e i coloratissimi uccellini dei boschi sono molto diffusi sulle colline. Abbondano le lucertole che si vedono correre con destrezza lungo i marciapiedi o in altre zone assolate.


Distanze


Clima

La temperatura massima media si aggira intorno ai 28°C in gennaio, e 30°C in luglio. La minima raramente si abbassa sotto i 22°C.


Fuso orario

quattro ore indietro rispetto al meridiano di Greenwich

 

Formalità - Servizi turistici - Salute


Formalità

I viaggiatori italiani in arrivo sull'isola, così come la maggior parte dei visitatori stranieri, non hanno bisogno di visto d'ingresso. Possono entrare sia nella parte olandese dell'isola sia sul versante francese mostrando il passaporto in corso di validità e il biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio


Servizi Turistici

Sint Maarten possiede delle splendide spiagge di sabbia bianca, in una varietà che va dai litorali turistici più affollati alle ampie baie isolate. La gran parte delle spiagge più belle e più selvagge si trova sul lato francese. Dawn Beach è uno dei posti migliori per nuotare e praticare snorkelling. Gli appassionati di questo sport si imbatteranno facilmente in fluttuanti gorgonie, teneri coralli e piccoli pesci tropicali. Quando il moto ondoso aumenta, Mullet Bay è un buon posto per fare bodyboarding. Il luogo migliore per fare immersioni è Proselyte Reef, pochi chilometri a sud di Philipsburg, dove nel 1802 si inabissò, alla profondità di 15 m, la fregata inglese HMS Proselyte. In quest'area esistono altre 10 zone di immersione che offrono barriere coralline e caverne da esplorare. Sull'isola è possibile spostarsi in bici. Potete farvi un giro costeggiando Simpson Bay Lagoon, oppure attraversare la frontiera verso la parte francese e arrampicarvi fino ai 425 m di Pic Paradis.


Salute

vaccinazioni consigliate: difterite e tetano, epatite virale A, epatite virale B, febbre tifoide. In genere l'acqua del rubinetto è sicura, tuttavia è più prudente bere sempre acqua imbottigliata. In alternativa l'acqua corrente può essere trattata facendola bollire per almeno 15 minuti, al fine di garantire la più efficace delle purificazioni. Altri rischi: scottature ed eritemi solari. Consigliamo di stipulare un'assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'l'eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro paese.

 

Abbigliamento - Cucina - Shopping - Elettricità - Telefonia - Foto e video


Abbigliamento

Come in altri paesi del Centro America, dipende sempre in che parte del paese si intende viaggiare: felpa e giubotto leggero sono indispensabili nelle zone montuose. Abbigliamento leggero ed estivo è essenziale quando ci si trova sulla costa caraibica. Comodo e pratico per escursioni e tours. Sempre un cappellino per proteggersi dai forti raggi solari, occhiali da sole, ed un indumento per ripararsi dalla pioggia durante la stagione umida oltre ad una felpa o un maglioncino per proteggersi dall'aria condizionata.


Cucina

L'isola offre una scelta veramente molto ampia di ristoranti e cucine, si possono ogni giorno gustare diversi sapori e specialità, passando dalla cucina francese, a quella creola, dall'italiana alla sudamericana con le sue grandi carni rosse. Tutte le materie prime sono importate e in cucina normalmente è al lavoro uno chef del paese d'origine.


Shopping


Elettricità

110V, 60Hz


Telefonia


Foto e Video

Si consiglia di portare materiale fotografico dall'Italia come bagaglio a mano e non in valigia, poichè i controlli a raggi x in aeroporto potrebbero danneggiarlo.