Isole Vergini (Regno Unito)

 

Prodotti

Tour di gruppo, Fly and Drive, Crociere e altre proposte di viaggio

Alberghi

Gli alberghi per tutte le esigenzee

Località

I posti più belli da visitare

Presentazione


Presentazione

Nelle Isole Vergini Britanniche ci sono zone così belle che sareste disposti a fare follie pur di poterci rimanere per sempre. Pensate a verdi colline, cieli blu, tramonti straordinari e spiagge dove il rumore più forte è quello di una noce di cocco che cade sulla sabbia morbidissima.
Un tempo rifugio per bucanieri e briganti, oggi le isole sono una delle mete favorite dei diportisti, attirati qui dalla presenza costante di venti tropicali, da punti d'ancoraggio ben protetti e da un clima mite tutto l'anno. Lo sviluppo turistico è stato controllato da una politica ambientale intelligente che ha conferito a queste isole un carattere molto diverso da quello delle loro vicine. Mentre le Isole Vergini Americane hanno dato la caccia ai dollari dei turisti, le Isole Vergini Britanniche si sono dichiarate disposte a stare lontano dalle luci della ribalta.

Paese: Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord
Superficie: 153 kmq (nella superficie totale sono incluse l'isola di Anegada, 16 isole abitate e più di 20 isole disabitate)
Popolazione: 22.643 abitanti (tasso di crescita demografica 2%)
Capitale: Road Town (9.100 abitanti) sull'isola di Tortola (18.500 abitanti)
Popoli: 83% di discendenza africana; meticci, europei, nordamericani, asiatici
Lingua: inglese (lingua ufficiale)
Religione: 86% protestante (33% metodista, 17% anglicana, 9% Church of God, 6% avventista del settimo giorno, 4% battista, 2% testimoni di Geova, 2% altre), 10% cattolica, 2% altre, 2% atei
Ordinamento dello stato: territorio d'oltremare del Regno Unito
Prefisso telefonico: dall'America del Nord, comporre 1 + 284 + le sette cifre del numero locale. Dal resto del mondo, digitare il prefisso di uscita dall'Italia (00) + 1 + 284 + le sette cifre del numero locale. 
 

 

Da vedere


Da vedere

Tortola
Tortola è il centro principale delle Isole Vergini Britanniche, con le spiagge più belle, le banche, gli alberghi, i ristoranti e i locali notturni migliori. La capitale, Road Town, è leggermente più pittoresca di quanto non suggerisca il suo nome. Main St, la prima via dopo il lungomare, è caratterizzata da molti edifici in legno e mattoni dipinti con colori brillanti. Se state aspettando qualcuno che si sta facendo fare le treccine ai capelli, potete fare un giro ai J. R. O'Neal Botanic Gardens oppure dare un'occhiata al piccolo BVI Folk Museum.
Ciò che rende speciale Tortola, però, sono le sue meravigliose baie e spiagge. I posti migliori dove stendere il vostro telo da bagno o indossare maschera e pinne si trovano sulla costa nord-occidentale, presso Cane Garden Bay, Smugglers Cove e Brewers Bay. Quando vi sentirete stanchi di prendere il sole, potrete visitare il Sage Mountain National Park, da cui si gode un'ottima vista delle isole vicine (non, però, dalla vetta, a 510 m, caratterizzata da un fitto sottobosco). Il North Shore Shell Museum di Carrot Bay è caotico e pieno di oggetti: oltre a numerose conchiglie, il museo conserva alcune barche e oggetti artigianali ammucchiati tra frammenti di icone lignee rinvenute in mare.

Virgin Gorda
Quest'isola, una 'Vergine Grassa' dal collo magro, per metà montuosa e per metà pianeggiante, si trova pochi chilometri a nord-est di Tortola. Pur essendo abitata soltanto da 2500 persone, offre uno dei panorami migliori dei Caraibi. The Baths, 'Le piscine', sono un insieme surreale di giganteschi massi di granito sparpagliati tra bianchissime spiagge piene di palme all'estremità sud-occidentale dell'isola. Le maree e l'azione delle onde trasformano le grotte in 'piscine' e poi di nuovo in grotte, creando così uno spazio ideale per gli amanti dello snorkelling, tra fessure e pozze d'acqua. The Baths è sul lato meridionale della Devil Bay ed è ottimo per effettuare immersioni quando l'acqua è calma.
The Baths è uno dei posti più visitati delle Isole Vergini Britanniche, quindi se desiderate evitare la folla, recatevi a North Sound, un'ampia baia protetta circondata da una scogliera, oppure sulle isole di Mosquito e Prickly Pear, al largo della costa settentrionale. La prima è una località turistica, la seconda è un parco nazionale. La parte settentrionale dell'isola di Virgin Gorda è montuosa ed è dominata dal Gorda Peak (408 m), mentre la zona sud-orientale include una miniera di rame abbandonata, a ricordo del passato industriale dell'isola.

 

Profilo economico - Lingua - Valuta


Economia

PIL: 2,4 miliardi di dollari
PIL pro capite: 38.500 dollari
Tasso annuale di crescita: 1%
Inflazione: 2,5%
Settori/prodotti principali: turismo, industria leggera, costruzioni, blocchi di calcestruzzo, finanza offshore, rum, frutta e verdura, bovini, pollame, pesce
Partner economici: Isole Vergini Americane, Portorico, USA


Lingua

inglese (lingua ufficiale)


Valuta

dollaro USA (US$)

 

Geografia - Distanze - Clima - Fuso orario


Geografia

Collinose e asciutte, le isole si trovano 80 km a est di Portorico, 1770 km a sud-est di Miami e appena a ovest e a nord delle Isole Vergini Americane. Le isole principali sono Tortola, Virgin Gorda, Anegada e Jost Van Dyke; la maggior parte degli altri 40 isolotti è disabitata. Nell'insieme sono poco più piccole di Washington DC. Tre quarti della popolazione delle Isole Vergini Britanniche vive su Tortola, che è lunga 23 km e larga 3 km. La maggior parte delle colline interne delle isole è coperta da una fitta foresta subtropicale; ci sono però anche zone aride dominate da alberi da frutto succulenti, palme e paludi di mangrovie costiere, dove sguazzano granchi e pesciolini. La flora indigena delle foreste è costituita da mogani, balate rosse, fichi, felci e dal Philodendrum giganteum, che scivola sul terreno fino a quando non trova un albero robusto su cui arrampicarsi. Sulle isole sono molto diffusi anche la papaya, il mango, la noce di cocco e l'albero del pane. La Mammea americana (un tipo di albicocco) è originaria di questa zona dei Caraibi ed è apprezzata per il suo frutto dolce dalla buccia marrone. Tra gli animali sono comuni le lucertole, i topi e gli asini. Un tipo di rana notturna (nocturnal bo-peep frog) è diffusa solo su Virgin Gorda e su Tortola e ha un verso di richiamo che sembra troppo forte per una bestiola così piccola. Su Virgin Gorda si trova anche un piccolo geco il cui nome (Spherodactylus pathenopian) è più lungo dell'animale stesso. L'uccello più sfacciato dell'isola è il bananaquit, un uccello dal petto giallo ghiottissimo di zucchero, che non pensa ad altro che a rubarvi la colazione dal tavolo. Tra gli altri uccelli segnaliamo le colombe, i colibrì, gli aironi, gli aironi bianchi e i falchi.


Distanze


Clima

Il clima è quasi sempre mite e la temperatura massima diurna raggiunge i 22°C-27°C. I venti tropicali mantengono basso il livello di umidità e le correnti caraibiche mantengono l'acqua tiepida. Le precipitazione piovose sono scarse. I mesi più umidi sono settembre, ottobre e novembre, ma non piove mai più di cinque giorni al mese. Tra luglio e ottobre possono verificarsi degli uragani, per cui date un'occhiata alle previsioni del tempo se intendete visitare le isole in quei mesi.


Fuso orario

tre ore indietro rispetto al meridiano di Greenwich

 

Formalità - Servizi turistici - Salute


Formalità

I viaggiatori italiani, così come i visitatori della maggior parte dei paesi, non hanno bisogno di visto d'ingresso per permanenze inferiori ai 90 giorni. Al momento dell'arrivo verrà richiesto il passaporto con una validità residua di almeno sei mesi e il biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio.


Servizi Turistici

Il noleggio di uno yacht consente di navigare tra le isole ed è il modo più comune di spostarsi tra di esse. Se avete una barca a disposizione scoprirete inoltre baie e spiagge deserte anche nel periodo di alta stagione. Uno dei posti migliori dove gettare l'ancora è Cane Garden Bay, su Tortola, che ha una bella spiaggia e due scogliere da esplorare. Un vasto ancoraggio è consentito a Norman Island, l'isola più a sud di Tortola, disabitata, che è stata definita 'baia' ai tempi dei pirati, dal momento che ha un buon terreno ed è ben riparata. La vicina Peter Island è l'isola dove si dice che Barbanera abbia lasciato 15 uomini con una bottiglia di rum e una sciabola perché si battessero. Su entrambe le isole gli ormeggi sono da condividere con qualche aragosta e con le lumache di mare; inoltre, si trovano a pochi minuti di strada (con un dinghy) da alcuni luoghi ideali per effettuare immersioni. Per quanto riguarda le immersioni, il posto migliore è Salt Island, a nord-est di Peter Island, che è famosa per il naufragio della RMS Rhone. Questa nave a vapore affondò nel 1867, dividendosi in due. La vicina Cooper Island presenta correnti molto forti che attraggono un'abbondante vita sottomarina. Poco distante, Ginger Island ha acque piuttosto burrascose, dal momento che è esposta ai venti tropicali provenienti da sud-est. Circa 15 m al di sotto della superficie dell'acqua ci sono enormi coralli a forma di fungo e spugne multicolori. Horseshoe Reef, al largo della costa meridionale di Anegada, è lunga 18 km ed è la terza scogliera più grande del mondo. Presso questa scogliera, negli anni, si sono verificati centinaia di naufragi che oggi la rendono il luogo ideale per le immersioni destinate all'esplorazione dei relitti. Altre zone che dovrebbero essere assolutamente visitate dagli amanti delle immersioni sono The Baths su Virgin Gorda, una serie di giganteschi massi che formano delle meravigliose cave sottomarine, e West Dog, un piccolo isolotto trasformato in parco nazionale a pochi chilometri dalla costa occidentale di Virgin Gorda. Smugglers Cove, all'estremità occidentale di Tortola, è una baia remota ideale per praticare lo snorkelling. Nei parchi nazionali delle isole ci sono alcuni percorsi a piedi brevi ma faticosi. Se desiderate ammirare il panorama senza fare troppa fatica, potrete noleggiare dei cavalli presso alcune stalle.


Salute

Vaccinazioni consigliate: difterite e tetano, epatite virale A, epatite virale B, febbre tifoide, rabbia. In genere l'acqua del rubinetto è sicura, tuttavia è più prudente bere sempre acqua imbottigliata. In alternativa l'acqua corrente può essere trattata facendola bollire per almeno 15 minuti, al fine di garantire la più efficace delle purificazioni. Altri rischi: scottature solari, dengue. Consigliamo di stipulare un'assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro paese.

 

Abbigliamento - Cucina - Shopping - Elettricità - Telefonia - Foto e video


Abbigliamento

Come in altri paesi del Centro America, dipende sempre in che parte del paese si intende viaggiare: felpa e giubotto leggero sono indispensabili nelle zone montuose. Abbigliamento leggero ed estivo è essenziale quando ci si trova sulla costa caraibica. Comodo e pratico per escursioni e tours. Sempre un cappellino per proteggersi dai forti raggi solari, occhiali da sole, ed un indumento per ripararsi dalla pioggia durante la stagione umida oltre ad una felpa o un maglioncino per proteggersi dall'aria condizionata.


Cucina

Nelle isole caraibiche si mangia ottimamente. E' quindi un peccato lasciarsi andare ai menù internazionali dei ristoranti dei centri turistici. I piatti locali sono deliziosi, frutto di un mix gastronomico di cucina precolombiana (degli arauchi e dei caribi) con quella africana, francese, spagnola, inglese, indù e indonesiana. Molta influenza hanno i frutti (mango, papaia, avocado, ecc.) su pietanze, contorni e, ovviamente, sui succhi e sui drink anche alcolici. Nelle esplorazioni gastronomiche locali, dimenticate la carne bovina: solo con pollo, maiale, montone, pesce e crostacei si ha la certezza della freschezza. Per quanto riguarda le bevande dovete fare affidamento alla birra, peraltro buona (addirittura ottima la giamaicana Red Stripe). Il vino si trova solo nei ristoranti internazionali. Il Caribe è il paradiso del rum (i giamaicani Appleton Estate e Myer's e il cubano Havana Club), degli amari di angostura (Trinidad) e del liquore curaçao dell'omonima isola. Tra i cocktail segnalo la Piña colada e il Cuba libre.


Shopping


Elettricità

110V, 60Hz


Telefonia


Foto e Video

Si consiglia di portare materiale foografico dall'Italia come bagaglio a mano e non in valigia, poichè i controlli a raggi x in aeroporto potrebbero danneggiarlo.