Caraibi

lusso e natura incontaminata

 

Per avere maggiori informazioni specifiche sulle aree geografiche più importanti seleziona l'area di interesse, e scoprirai i pacchetti turistici, le località e gli alberghi che abbiamo selezionato per te.
Per informazioni a carattere generale sulla destinazione puoi consultare le schede qui di lato.

 

Presentazione


Presentazione

I Caraibi sono considerati "un paradiso tropicale" , unione perfetta di bellezze naturali, acque blu e barriere coralline per le immersioni. Per questa zona si intende tutta l'area del Mare Caraibico.
Il Mare Caraibico o Mare dei Caraibi è un mare tropicale dell'emisfero occidentale, delimitato a sud dall'America del Sud, a ovest e a sud dall'America Centrale e a nord e a est dalle Antille.
Da sempre i Caraibi sono scenografia dei racconti più avvincenti dove sono proprio i pirati a essere i protagonisti indiscussi di avventure alla ricerca di tesori nascosti nei luoghi più improbili.
Il concetto di pirateria è iniziato proprio nel Mar delle Antille nel XVII secolo sia perché qui i pirati riuscivano a godere di una serie di appoggi e favori sulla terraferma sia perché le numerose isole presenti erano e sono tutt'ora ricche di cibo e i fondali bassi impedivano inseguimenti da parte delle già lente navi da guerra. 
La storia di queste isole passa necessariamente dal continente europeo e quello africano, visto che la colonizzazione ha spazzato via quasi interamente la popolazione indigena e qualsiasi traccia originaria del passato. Dalla scoperta dell’America queste isole vissero secoli di dominazione spagnola e, successivamente, inglese, francese, olandese e danese, da cui molti paesi non sono ancora riusciti ad emanciparsi o portano comunque forti tracce. L’influenza africana deriva, invece, dalla triste pagina dello schiavismo.
La popolazione dei Caraibi risulta così da un miscuglio di razze che convive spesso pacificamente e in maniera integrata e che, in molti casi, lo dimostra attraverso la sua allegria, tolleranza e apertura mentale. L’esistenza su queste isole scorre molto rilassata, con insignificanti eccezioni, e lo stile di vita non ha mai totalmente assorbito la condotta europea, tuttavia ultimamente la cultura statunitense sta avendo un impatto abbastanza rilevante.

 

Profilo economico - Lingua - Valuta


Economia


Lingua

Le lingue più diffuse sono lo spagnolo, soprattutto a Cuba, nella Dominicana e a Portorico, inglese (Giamaica, Trinidad, isole Vergini, Barbados), il francese (Haiti, Guadalupa e Martinica, ecc.) e il creolo.


Valuta

 

Geografia - Distanze - Clima - Fuso orario


Geografia


Distanze


Clima

La temperatura media si aggira intorno ai 25° e non si verifica una grande variazione di gradi tra una stagione e l'altra: questo garantisce una condizione climatica gradevole tutto l'anno e un mare caldo e piacevole. Il periodo ideale per svolgere una vacanza è tra dicembre e aprile, che corrisponde all'alta stagione e il clima è secco e ventilato. La bassa stagione,invece, è compresa tra maggio e novembre. Proprio in questi mesi il tasso di umidità è molto elevato e sono frequenti gli acquazzoni tropicali.


Fuso orario

 

Abbigliamento - Cucina - Shopping - Elettricità - Telefonia - Foto e video


Abbigliamento

Come in altri paesi del Centro America, dipende sempre in che parte del paese si intende viaggiare: felpa e giubotto leggero sono indispensabili nelle zone montuose. Abbigliamento leggero ed estivo è essenziale quando ci si trova sulla costa caraibica. Comodo e pratico per escursioni e tours. Sempre un cappellino per proteggersi dai forti raggi solari, occhiali da sole, ed un indumento per ripararsi dalla pioggia durante la stagione umida oltre ad una felpa o un maglioncino per proteggersi dall'aria condizionata.


Cucina

La cucina del Mar dei Caraibi racchiude tutte le culture che sono transitate da questa area: europea, creola, africana e ad oggi anche quella statunitense; tuttavia ogni isola, specie le più piccole, deve fare i conti con le risorse e le caratteristiche del proprio territorio e spesso è la semplicità ad essere la migliore soluzione. IL PESCE: Il pesce fresco è, ovviamente, uno degli ingredienti più comuni e graditi, da gustosissimi crostacei ai pesci ballerini, si preparano piatti elaborati o semplici grigliate senza che mai venga meno la qualità. Il pesce si usa molto conservato sotto aceto, sotto sale o speziato e spesso può essere consumato come economico snack per strada. Alle Bahams, a Turks e Caicos o alle Cayman lo strombo è il pesce più prelibato, questo mollusco preparato in ogni modo oggi, però, rischia l'estinzione; il pesce volante sulle Babados è servito ovunque, ma soprattutto fritto in gustosi panini, e lo stesso avviene con lo squalo nello shark & bake (squalo e pane) a Trinidad e Tobago. Imperdibili sono, inoltre, le trascinanti feste del venerdì che si tengono su diverse isole dove pesce e rum sono consumati in grande quantità (come per esempio alle Bahamas o a Saint Lucia). LE CARNI: Per quanto riguarda le carni, il pollame è la più diffusa, mentre nelle Grandi Antille trova spazio il maiale. Il famoso Jerk jamaicano è un processo di marinatura della carne in una piccantissima salsa composta da varie spezie e poi arrostita. RISO, FRUTTA E VERDURE: Il riso e le verdure, soprattutto legumi e peperoni, sono ingredienti 'poveri', molto utilizzati per comporre dei piatti unici, dei contorni e delle zuppe; ogni isola ha , poi, i suoi vegetali caratteristici. Grenada è l'isola delle spezie, mentre di origine africana è la manioca (o yucca), ricchissima di carboidrati, che si trova soprattutto nelle Grandi Antille. Nella maggior parte delle Piccole Antille si può gustare la leggendaria zuppa callaloo con pesce e spezie. Occorre, però, far presente che su certe isole le verdure non sono molto coltivate e vengono per lo più importate, con tutte le conseguenze che questo comporta (prezzi, reperibilità, etc.). La stessa indicazione vale, più o meno, per l'acqua potabile, di difficile reperibilità su certe isole, non va assolutamente sprecata. Non dimenticatevi della frutta tropicale, una delle prelibatezze che possono dare sollievo nelle giornate più calde e afose. Singolari sono l'ananas detta Black Pineapple ad Antigua e Barbuda e il "Saba Spice" sull'isola di Saba. LE BEVANDE: La bevanda più consumata è, naturalmente, il rum, questa famosa bevanda alcolica è ottenuta dalla melassa e dalla canna da zucchero, servito secco o mescolato in un cocktails è il principale ingrediente delle notti e delle feste caraibiche. Il caffè è una cultura tutta da scoprire, specialmente in alcune qualità particolari come quello jamaicano o haitiano.


Shopping

Fra un bagno di sole e uno in mare, un piacevole diversivo è curiosare nelle botteghe locali. Non c'è molta scelta e soprattutto molti articoli vengono confezionati altrove. Ma qualche oggetto tipico si può trovare senza spendere un tesoro: dalle maschere di legno al rum alle amache. Orari: In genere i negozi sono aperti dalle 9 alle 17, chiusi la domenica. Pagamento: In valuta locale, dollari USA e, nei grandi negozi, con le principali carte di credito. Il souvenir che più vi ricorderà i Caraibi è la musica. La scelta di CD e musicassette è enorme. Si va dal merengue di Santo Domingo (Quatro Quarenta è la band più popolare) al calypso di Trinidad, dalla musica malinconica afrocaraibica dei Kassav della Guadalupa fino al reggae giamaicano che oggi si divide in due grandi filoni: il reggae roots, legato alla cultura rastafari, e politicamente impegnato (Garnet Silk, Half Pint, Culture, e gli storici Burning Spear, Dennis Brown, Mutabaruka); e il DJ Style, dal ritmo accelerato e martellante (Yellowman, Chaka Demus, Super Cat). I sigari di Santo Domingo (La Habanera è la marca più diffusa) non sono famosi come quelli cubani, ma di buona qualità e arrotolati a mano. Anche a San Juan in Puerto Rico ci sono ancora alcuni arrotolatori; i migliori sigari sono gli Antillas Beauty numero 1. In Giamaica si trovano belle sculture in lignum vitae, l'albero simbolo del paese, che raffigurano animali e soggetti erotici. Belli i dipinti naif realizzati ad Haiti e i coloratissimi acquarelli giamaicani. Ovunque si trovano cappelli, cesti e borse in foglie di palma intrecciate.


Elettricità

110 volts, le prese di corrente sono americane, quindi si consiglia di premunirsi di adattatore a lamelle piane.


Telefonia


Foto e Video

Si consiglia di portare materiale foografico dall'Italia come bagaglio a mano e non in valigia, poichè i controlli a raggi x in aeroporto potrebbero danneggiarlo.