Fly and Drive "La strada dei fari" - Quebec - Canada


Fly and Drive

Fly and Drive

La strada dei fari

Montreal / Montreal (Canada) Mappa

 

Località di partenza: Montreal

Descrizione: Fly and Drive

Durata: 11 giorni / 10 notti

Pasti: NO

Fly and Drive

INFORMAZIONI SUL Fly and Drive

1° GIORNO: MONTREAL
Arrivo all'aeroporto di Montreal e ritiro dell'auto. Sistemazione in hotel e ritiro dei documenti di viaggio. 
Montréal, la seconda città del Canada, si trova esattamente a metà strada tra la costa occidentale d‘Europa e Vancouver, e combina aspetti di entrambi i continenti sia nell’aspetto che nello spirito. Dopo Parigi è la più grande metropoli di lingua francese, con due terzi dei suoi tre milioni e mezzo di abitanti di origine francese. Il resto è mescolanza cosmopolita di inglesi, cinesi, italiani, greci, sudamericani, europei dell’est e caraibici. La varietà si rispecchia nella sua cucina e nel gran numero di feste popolari che ne fanno una delle città più vibranti e vivaci del Canada. Dovunque si posi lo sguardo si vedono segni di orgoglio cittadino e benessere. Nello storico quartiere di Vieux-Montréal, sulle rive del fiume San Lorenzo, oltre alla grande Basilique de Notre-Dame e le guglie della Chapelle de Notre-Dame-de-Bonsecours si allineano gli eleganti ed imponenti edifici commerciali, le vecchie case trasformate in ristoranti e negozi, i magazzini abbandonati in condomini alla moda. Ed il Vieux-Port in disuso è stato trasformato in un grande parco sulle rive del san Lorenzo. Al di sotto dell’altura boscosa di Mont Royal, i viali del centro e le piazze ombreggiate sono dense di vita in ogni ora del giorno e della notte, quando i nottambuli rientrano dai club della rue Ste-Catherine, del Plateau e del Quartier Latin. Nel sottosuolo le vie pedonali della Città Sotterranea e l’ottima metropolitana collegano in nodi vitali della città, mantra all’estremità orientale, la torre dello Stadio Olimpico getta la sua ombra sul Jardin Botanique, secondo per importanza solo ai magnifici giardini londinesi di Kew Gardens.
In più la città vanta eccellenti musei. Il Centre Canadien d'Architecture ospita una delle più notevoli raccolte specialistiche del continente, il Musée d'Art Contemporain è l’unico museo del Canada interamente dedicato all’arte contemporanea, ed il Musée des Beaux Arts è la più veccho museo di belle arti del Paese. Altrettanto interessanti i musei che riguardano Montréal e la storia canadese; il Musée McCord ha un’ottima raccolta di manufatti indigeni, mentre il Musée d'Archéologie et d'Histoire de Montréal presenta in modo straordinario i ritrovamenti archeologici relativi alla fondazione della città nel 1642

 2° GIORNO: MONTREAL - QUEBEC (260 Km)
Mattinata a disposizione per visitare l'affascinante città. Nel pomeriggio partenza lungo la riva meridionale del San Lorenzo fino a Quebec. Due autostrade (highways) coprono i 270 Km tra Montréal and Québec: la Hwy 20 segue la riva meridionale del San Lorenzo, mentre la Hwy 40 segue la riva settentrionale. Più tortuosa e lenta, ma più interessante la Hwy 138 lungo la riva settentrionale permette di vedere più da vicino il Québec rurale e le fattorie sopravvissute dall’epoca delle signorie, come la Seigneurie de Terrebonne (visita gratuita da martedì a domenica da fine giugno ad agosto, ore 10-20), sulla Île des Moulins circa 30 minuti a nordest di Montréal via Hwy 25 (uscita 17 est). La città principale tra Montréal and Québec è Trois Rivières, a metà strada tra le due città, nel punto in cui il Rivière St-Maurice si divide in tre canali – da cui il nome “tre fiumi” – prima di sfociare nel San Lorenzo. L’insediamento europeo risale al 1634, quando la città divenne punto focale per gli esploratori francesi del continente per il trasporto del minerale di ferro. Al ferro seguì l’industria del legname e oggi Trois-Rivières è uno die più grandi produttori al mondo di carta. Città propriamente industriale, ha tuttavia un certo fascino nelle strade ombrose su cui si affacciano antichi edifici. La città è anche un buon punto di partenza per esplorare il parco della Mauricie. Arrivando a Québec da Montréal colpisce la differenza tra le due città. Tanto Montréal è internazionale, dinamica e progressista, quanto Québec è legata al suo passato religioso e militare, che si manifesta nelle austere strutture difensive dominate dalla massiccia Cittadelle

3° GIORNO: QUEBEC - RIVIERE DU LOUP (210 Km)
Partenza di buon mattino per arrivare a Riviere du Loup entro mezzogiorno per il traghetto che porterà ad uno dei fari più affascinanti della regione, quello dell'isola Pot à l'Eau-de-Vie.

4° GIORNO: RIVIERE DU LOUP - RIMOUSKY (105 Km)
Colazione al faro. Mattinata a disposizione per esplorare l'isola. Il traghetto vi riporta a Riviere-du-Loup verso le 13:30. Proseguimento per le Bic. Eventuale sosta al Parco Bic, creato per proteggere l’habitat eccezionale di questa zona, ospita numerose specie di invertebrati, pesci e animali marini, come le foche grigie e le foche comuni. Si consiglia inoltre la visita al Museo del Mare di Pointe-au-Père. Si potrà anche salire i 128 gradini che portano al faro più alto del Canada.

5° GIORNO: RIMOUSKY - CARLETON (270 Km)
Rimouski non sembra particolarmente attraente dalla Hwy 132, ma entrando in città si trovano diversi posti interessanti. L’ottimo Musée régional de Rimouski, occupa la chiesa più antica del Québec orientale. L’esterno è intatto, mentre l’interno rimodernato accoglie su tre piani arte contemporanea, scienza e tecnologia. Seguendo la strada per raggiungere Carleton si potranno ammirare i suggestivi paesaggi sempre più selvaggi, e si avranno ottime possibilità per fotografare il faro di Matane. Si consiglia la visita della cittadina di Cap Chat, con il suo centro visite e il faro. Proseguimento per la Baie Des Chaleurs (Baia dei Calori), a sud della Penisola della Gespesie

6° GIORNO: CARLETON - PERCE (190 Km)
Vi invitiamo a fermarvi al faro di Bonaventure per fotografare. Bonaventure è frequentata soprattutto per la pesca al salmone e per la spiaggia, ed è nota nota come roccaforte della cultura acadiana. La tradizione è celebrata nel Musée Acadien du Québec nel centro della città. Proseguendo verso Percé fermatevi al Site Historique du Banc-de-Paspébiac,  composto da 11 edifici antichi che un tempo appartenevano alle più importanti compagnie di pesca. Prevedete una eventuale sosta al faro di Cap-Espoir o al faro di Cap Blanc. Nel pomeriggio potrete visitare Percé.
In barca potete arrivare ai piedi del Rocher Percé e l'isola Bonaventure.

7° GIORNO: PERCE
Giornata interamente dedicata a visite facoltative nella zona. Si consiglia una crociera alla scoperta della Rocca di Percé e dell’Isola di Bonaventure, dove si trova una delle più grandi colonie ornitologiche di sule al mondo.

8° GIORNO: PERCE - MATANE (349 Km)
Lungo la strada per Matane si consiglia la sosta al Parco Forillon, fondato nel 1970 come primo Parco Nazionale del Quebec, caratterizzato da  un delicato ecosistema famoso in tutto il mondo, e ai numerosi fari che si incontrano lungo il percorso (il faro di Cap-Gaspé, il faro di Pointe-à-la- Renommée, il faro di Matane). A L'Anse-à-Valleau potrete visitare il faro di Pointe-à-la-Renommée. Altri due punti da non perdere per gli appassionati di fotografia sono i fari di Madeleine Center e La Marte. La strada è spesso stretta tra l’oceano e la parete di roccia a strapiombo, tra curve e tornanti che rivelano calette pittoresche. Per uno spuntino con specialità Québécois ci si può fermare a Marsoui, un minuscolo villaggio di pescatori 34 Km ad est di Ste-Anne, al ristorante La Vieille Tablé, semplice e tipico. Pernottamento a Matane

9° GIORNO: MATANE - TADOUSSAC (242 Km)
Si attraversa con il traghetto il San Lorenzo a Matane per raggiungere Baie Comeau (durata circa 2 ore e 15 minuti) per proseguire verso la località di Tadoussac, a secondo del giorno della settimana e del mese, gli orari possono variare. Possibilità di sosta al faro di Cap-de-Bon-Desir a Borgeronnes, luogo privilegiato per osservare l’estuario del San Lorenzo e le numerose specie marine della zona. Si arriva al fiordo di Saguenay. Stupenda distesa di rocce, pareti a strapiombo e vegetazione fitta, il Parc du Saguenay occupa entrambe le sponde di uno dei più lunghi fiordi al mondo, che taglie la roccia vecchia di miliardi di anni dello Scudo Canadese per confluire nel san Lorenzo. Il fiordo è profondo quasi 270 m ed altrettanto sono alte le pareti che lo chiudono. Le acque più profonde vengono dal San Lorenzo e sono freddissime e salate, mentre in superficie scorre l'acqua più calda che scende da lac St Jean lungo la Rivière Saguenay. Nel Parc Marin du Saguenay–St-Laurent ci sono le condizioni perfette per la formazione del krill che sta alla base del nutrimento delle balene. Di conseguenza l'area è diventata famosa per il loro avvistamento. Il centro principale è Tadoussac , alla confluenza del Saguenay con il San Lorenzo. A Tadoussac si trova l'ottimo Centre d'Interprétation des Mammifières Marins, se volete saperne un po' di più sui cetacei.

10° GIORNO: TADOUSSAC - QUEBEC (210 Km)
Scendendo lungo la costa settentrionale del San Lorenzo verso Quebec si entra nella regione di Charlevoix, dall nome dello storico gesuita Francois Xavier de Charlevoix. Benchè da anni frequentata destinazione turistica, la regione è stata preservata con cura e nella campagna intatta si incontrano graziosi villaggi e chiese dal tetto di latta. La Route des Saveurs de Charlevoix è un famoso itinerario gastronomico. Per raggiungere Baie-St-Paul si consiglia di seguire la Hwy 362, che segue la costa attraversando una successione di paesini appollaiati sulle scogliere lungo le rive del san Lorenzo - strada assai tortuosa - tutta curve e tornanti. Da non perdere il belvedere che permette di ammirare dall'alto Baie St Paul.
Si prosegue per uno dei primi insediamenti del Charlevoix e punto di ritrovo per i paesaggisti di Quebec, il pittoresco paese di Baie-Saint Paul, nascosto nella valle di Gouffré, dalle belle stradine dominate dalle guglie gemelle della chiesa.
Seguendo la costa di Beaupré si passano la cascata di Montmorency, la chiesa di St Anne e si raggiunge Quebec.

11° GIORNO: QUEBEC - MONTREAL (260 Km)
Ritorno a Montreal per il rilascio dell'auto in aeroporto

HOTEL PREVISTI

1 - Montreal -
 Le Meridien Versailles Hotel 
2 - Quebec - Hotel Manoir Victoria
3 - Iles du Pot - Phare du Pot de Vie
4 - Bic - Mange Grenouille 
5 - Carleton - Hostellerie Baie Bleu
6 - Perce - Riotel Perce
7 - Matane - Belle Plage
8 - Tadoussac - Hotel Tadoussac
9 - Quebec - Delta Quebec

Gli hotel possono essere sostituiti con altri di pari categoria

Giornaliere dal 15 Giugno al 15 Settembre

La quota comprende:

  • 10 pernottamenti negli hotel indicati (o similari) presso la categoria prescelta;
  • documenti di viaggio con carte stradali, depliant e itinerario di viaggio
  • tasse

 Non comprende:

  • Trasferimenti da e per l'aeroporto
  • Il noleggio della macchina
  • Parcheggi, dove a pagamento
  • L'entrate ai parchi
  • Tutto ciò non espressamente menzionato nella quota comprende

LA DESTINAZIONE E LE LOCALITA' PRINCIPALI DEL Fly and Drive

Desideri altre informazioni su questo prodotto? Contattaci!